La grandezza del web, lo spettacolo della tv…dal 2009

Turismo olandese in ritirata? Confesercenti scrive all’assessore regionale al Turismo Moreno Pieroni

“Riceviamo dai nostri associati del settore turistico –afferma il direttore provinciale Confesercenti Giorgio Bartolini- segnalazioni in merito alla cancellazione in toto o al rinvio al 2021, delle prenotazioni effettuate dai turisti olandesi nelle strutture del territorio. Tale situazione, in base a ciò che ci viene segnalato, non riguarda turisti provenienti da altri paesi europei o, nel caso, in misura molto limitata. Gli operatori ci segnalano invece –prosegue Bartolini- che in Olanda si stanno adottando misure che scoraggiano vacanze o viaggi nei paesi del sud Europa, che sono poi le mete tipiche del turismo di  quel paese, anche intimando i cittadini ad accollarsi la responsabilità di un eventuale contagio ed impedendo loro, se ciò dovesse accadere, il ritorno in patria non prima di aver terminato il periodo di quarantena, oltre che ventilando possibili problemi di contenziosi assicurativi. I turisti olandesi, che spesso sono clienti fissi o comunque affezionati al nostro territorio e con i quali quindi i nostri operatori hanno continui contatti, appaiono scoraggiati e disinvogliati ad intraprendere le loro vacanze in Italia, e decidono di annullarle anche se le hanno già prenotate”.

Confesercenti ha inoltrato la segnalazione all’assessore al Turismo delle Marche, Moreno Pieroni: “Tali segnalazioni -aggiunge Adolfo Ciuccoli responsabile Assoturismo Pesaro Urbino-  se confermate, individuano una situazione di enorme gravità per il turismo italiano e per quello marchigiano, in particolare, che da anni può contare su una presenza massiccia di turisti olandesi. Per questo, ci siamo rivolti all’assessore Pieroni, sollevando il problema e chiedendo opportune ed urgenti verifiche, oltre che, eventualmente, l’adozione di misure necessarie a salvaguardare le imprese, l’economia e l’immagine di una regione che ha affrontato l’emergenza sanitaria non soltanto con coraggio, ma anche con lucidità e capacità di adottare in tempi rapidi e con modalità efficaci gli accorgimenti necessari per avviare la fase della ripartenza in tutta sicurezza, sempre mettendo in primo piano la salvaguardia della salute pubblica”.


Scrivi un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*